Schemi di vaccinazione della mucca

La vaccinazione del bestiame consente di proteggere gli animali da un gran numero di malattie infettive. Come dimostra la pratica, la diffusione dell'infezione nel corpo del bestiame viene effettuata abbastanza rapidamente, a seguito della quale l'animale può morire diverse ore dopo l'infezione. Il mezzo più efficace per proteggere il bestiame è la vaccinazione tempestiva. Grazie all'introduzione di una soluzione speciale di bovini acquisisce immunità, con conseguente rischio di infezione si riduce quasi a zero.

Schema di vaccinazione della mucca

Le vaccinazioni per i bovini iniziano a fare quasi immediatamente, non appena sono nati. Come dimostra la pratica, un'attenzione particolare dovrebbe essere rivolta alle vaccinazioni di animali giovani, dal momento che devono essere immunizzati quando raggiungono i 2 mesi. I bovini adulti vengono vaccinati ogni anno. Per chiarezza, puoi considerare lo schema di vaccinazione del bestiame per tutta la vita, a partire dalla nascita.

Si raccomanda di vaccinare le vacche e le giovenche secche in tempo per le seguenti malattie:

  • salmonellosi - la prima volta che l'iniezione viene effettuata nel corpo del bestiame 60 giorni prima del parto, la rivaccinazione viene effettuata dopo 8-10 giorni;
  • leptospirosi - 45-60 giorni prima del momento di parto previsto e di nuovo 10 giorni dopo;
  • colibacteriosi - 40-60 giorni prima dell'inizio del travaglio nei bovini viene somministrata la prima iniezione, quella successiva - 2 settimane dopo.

I vitelli appena nati vengono vaccinati secondo il seguente schema:

  • salmonellosi: se una mucca è stata vaccinata prima del parto, i vitelli vengono vaccinati il ​​20 ° giorno di vita. Se la mucca non è stata vaccinata in modo tempestivo, la prima iniezione del vitello viene somministrata a 5-8 giorni di vita e ripetuta - dopo 5 giorni;
  • rinotracheite infettiva, parainfluenza-3 - la vaccinazione viene effettuata 10 giorni dopo la nascita, seguita da 25 giorni;
  • setticemia diplococcica - la vaccinazione da questa malattia infettiva è all'età di 8 giorni e dopo 2 settimane;
  • Afta epizootica - se il vitello è nato in una zona con un maggiore rischio di contrarre la malattia, il farmaco viene somministrato il primo giorno di vita dell'animale;
  • diarrea virale - vaccinato contro questa malattia del bestiame all'età di 10 giorni e ancora - dopo 20 giorni.

Per giovani stock, seguire il seguente schema:

  • salmonellosi - nel momento in cui l'animale ha 25-30 giorni;
  • trichophytosis - la soluzione viene iniettata nel corpo di un animale al raggiungimento di 30 giorni e più anziani, la successiva vaccinazione cade dopo sei mesi;
  • leptospirosi - la vaccinazione deve essere fatta immediatamente, non appena il vitello ha 1, 5 mesi, la rivaccinazione - dopo 6 mesi;
  • diarrea virale - all'età di 30 giorni;
  • rinotracheite infettiva - secondo la testimonianza di uno specialista veterinario da 3 mesi;
  • Parainripp-3 - dopo aver raggiunto un mese, ancora una volta - in 5-7 settimane;
  • antrace - secondo la testimonianza di un veterinario da 3 mesi;
  • Theileriosis - solo da indicazioni, quando il bestiame raggiunge l'età di 6 mesi e oltre.

Come dimostra la pratica, quando si presenta una minaccia, anche le mucche da latte possono essere vaccinate contro l'afta epizootica. I bovini adulti vengono vaccinati una volta, la rivaccinazione viene effettuata dopo 6 mesi. L'immunizzazione successiva viene eseguita annualmente.

Programma di vaccinazione per giovenche e giovenche

Durante il periodo di siccità, quando una mucca non dà il latte, si verifica un gran numero di cambiamenti nel suo corpo, per i quali è richiesta una certa energia. Va tenuto presente che durante tali periodi i microrganismi nocivi possono avere un impatto diverso sulla salute di ciascun individuo. Inoltre, non dimenticare gli individui inciampati. In entrambi i casi, il bestiame deve ricevere un farmaco contro la salmonellosi, la leptospirosi e la colibacillosi.

Durante il periodo di siccità, nell'intervallo prima del parto, che inizia 2 mesi, le vacche gravide devono essere vaccinate contro la salmonellosi. In questo caso, si consiglia di utilizzare il vaccino concentrato formolkvastsovuyu per i bovini. È importante considerare che il farmaco iniettabile viene somministrato ai bovini due volte:

  • La prima vaccinazione viene effettuata 60 giorni prima del tempo stimato di parto, usando 10 ml del preparato;
  • la seconda vaccinazione viene effettuata 8-10 giorni dopo la prima, in questo caso la quantità di farmaco viene aumentata a 15 ml.

Questa vaccinazione è eccellente anche per le giovenche - le mucche che partoriranno per la prima volta.

Un vaccino contro la leptospirosi viene somministrato direttamente nel corpo di una mucca incinta. Il farmaco polivalente viene somministrato 45-60 giorni prima del tempo previsto per il parto. Ri-vaccinazione effettuata dopo 7-10 giorni. Gli animali di età compresa tra 1 e 2 anni sono raccomandati per la prima e la seconda volta per iniettare 8 ml del farmaco. I bovini di età superiore a 2 anni hanno somministrato 10 ml di vaccino.

Colibacteriosi - un tipo infettivo della malattia, durante il quale vi è una grave diarrea, sepsi. Questa malattia, di regola, si riscontra spesso nei vitelli, ma come dimostra la pratica, può colpire anche vacche asciutte. Come misura preventiva per la colibacillosi, circa 45-60 giorni prima della nascita imminente, un farmaco viene somministrato all'animale, la rivaccinazione viene effettuata 14 giorni dopo. In entrambi i casi, il dosaggio del vaccino è di 10 ml. Il farmaco viene somministrato al bestiame per via intramuscolare nel collo.

È importante! Se necessario, è possibile vaccinare le vacche da latte, ma in questo caso verrà data una sola vaccinazione contro l'afta epizootica.

Ogni anno i bovini adulti devono essere vaccinati contro l'afta epizootica. Per questi scopi, di solito viene usato il vaccino lapinizzato. Durante la rivaccinazione, ogni animale dovrebbe ricevere 5 ml del farmaco per via sottocutanea. Molti esperti veterinari raccomandano di dividere il volume del vaccino - 4 ml iniettati sotto la pelle e 1 ml sotto la membrana mucosa del labbro superiore.

Suggerimento: Si consiglia al vaccino di agitare costantemente fino a quando la soluzione è omogenea. In inverno, è necessario preriscaldare il farmaco a + 36 ° C ... + 37 ° C

.

Schemi di vaccinazione del vitello

Per la vita dei vitelli devono essere osservati alcuni parametri molto importanti:

  • qualità dell'aria;
  • densità animale;
  • la presenza di rifiuti asciutti.

Osservando questi criteri, è possibile prevenire la malattia precoce del bestiame. La prima vaccinazione di animali giovani può essere effettuata dopo che gli animali hanno compiuto 2 settimane di vita. Durante questo periodo, si raccomanda di iniettare farmaci contro virus e batteri che colpiscono il sistema respiratorio. Iniezione non è raccomandato prima, in quanto non ci sarà alcun effetto da esso. Se la vaccinazione viene effettuata troppo tardi, i vitelli non avranno il tempo di sviluppare l'immunità all'età di 2 mesi.

È necessario aderire al seguente schema per vaccinazione di animali giovani dai principali agenti causali di malattie respiratorie:

  • 12-18 giorni. A questa età, si raccomanda di vaccinare i vitelli per le seguenti malattie: rinotracheite, parainfluenza-3, infezione respiratoria sinciziale, pasteurellosi. Per prevenire la comparsa di rinotracheite, vengono utilizzate gocce nasali - 1 ml di sostanza in ciascuna narice. Vaccino per altre malattie vaccino iniettato per via sottocutanea in un volume di 5 ml;
  • 40-45 giorni. Al momento, sarà necessario ri-vaccinare il bestiame da parainfluenza-3, infezione respiratoria sinciziale e pasteurellosi. La vaccinazione viene effettuata utilizzando il farmaco "Bovilis Bovipast RSP", il farmaco viene somministrato per via sottocutanea, con un volume di 5 ml;
  • 120-130 giorni. Quando i bovini di questa età vengono raggiunti, conducono una rivaccinazione di animali giovani contro la rinotracheite infettiva nella fattoria.

Se nel processo di vaccinazione aderisci a questo schema, è possibile proteggere il bestiame dai principali patogeni delle malattie respiratorie e creare il livello necessario di immunità all'età di 2 mesi. Inoltre, è possibile prevenire lo sviluppo di malattie infettive nei vitelli fino a 7-9 mesi di età.

Per prevenire le principali malattie infettive, i veterinari raccomandano l'uso del seguente regime;

  • 1 mese - vaccino contro la salmonellosi. Le vaccinazioni per questa malattia sono fatte principalmente in quelle regioni dove c'è un'alta incidenza di salmonellosi. Prima di introdurre il farmaco sull'animale, si raccomanda di verificare con il sierotipo veterinario dell'agente patogeno;
  • 1, 5-4 mesi - durante questo periodo, viene eseguita la vaccinazione del bestiame contro tigna e antrace. Da antrace, è necessario vaccinare gli animali ogni anno, l'età ottimale per i vitelli è di 3 mesi;
  • 6 mesi - da questo periodo, i bovini hanno vaccinato contro la rabbia. Se nella regione c'è una situazione epizootica difficile, è necessario vaccinarsi in 3 mesi e ripetere in 6 mesi.

Inoculando tempestivamente il bestiame, è possibile prevenire la comparsa di pericolose malattie infettive, portando alla morte.

Attenzione! Dopo che il vitello ha 10 mesi, la probabilità di comparsa di patologie negli organi respiratori è quasi pari a zero.

conclusione

La vaccinazione del bestiame dovrebbe essere effettuata in tempo, secondo lo schema veterinario. Questo è l'unico modo per ottenere una mandria sana, che nel processo di crescita e sviluppo non sarà esposta a malattie infettive con esito fatale. La vaccinazione è la responsabilità immediata di ogni agricoltore.